PDF Stampa Email

Le Mille e una Notte


progetto La Confraternita del Chianti

produzione Teatro della Cooperativa


Un attore e un tappeto. Dei cuscini. E magari anche un musicista.

Gli spettatori condividono con gli interpreti uno spazio fisico e narrativo, condotti per mano all'interno di una delle novelle de Le Mille e Una Notte.

Dove li porterà il tappeto volante?

Il capolavoro della letteratura araba è un'opera “chimerica”, che raccoglie racconti provenienti dall’India,   dall’Egitto, dalla Turchia, dalla Cina.

In tempi confusi, in cui tolleranza e intolleranza rischiano di perdere definizione, sempre più la cultura deve assumersi il compito di facilitare l’incontro con il diverso, con l’inaspettato, con ciò che fa paura o semplicemente diamo per scontato.

In tempi confusi è giusto ricordare che la cultura araba ha prodotto un classico che fa parte anche della nostra cultura e che ha per protagonista una donna che con l’astuzia inganna e redime un uomo crudele mettendo a rischio la propria vita per proteggere la vita di altre donne.

Per questo vogliamo usare Le Mille e una Notte come veicolo per l'integrazione, sicuri che con la cultura si possa diffondere la difesa della dignità di tutti gli esseri umani come valore essenziale della società in cui viviamo.