Un monologo agrodolce per un evitabile disastro ambientale.

di Paolo Bignami
con Stefano Panzeri
dramaturg Chiara Boscaro
regia Marco Di Stefano
assistente alla regia Cristina Campochiaro
responsabili tecnici Enzo Biscardi e Marcello Seregni

un progetto La Confraternita del Chianti
una produzione Associazione Interdisciplinare delle Arti
con il sostegno del MIBACT
con il sostegno di Teatro In folio/Residenza Carte Vive

testo Vincitore del Mario Fratti Award 2017 (New York, USA)

selezione ufficiale FringeMi 2022

Alcuni avvenimenti restano nella memoria personale e collettiva in modo indelebile e possono segnare la nostra visione del mondo. Nel luglio di tanti anni fa io e altri bambini guardavamo il cielo nel timore che la nube tossica partita da Seveso potesse passare di lì. Era il 1976 e i disastri ambientali che seguirono troppo spesso hanno ricordato quanto accaduto a Seveso.

“Il paese delle facce gonfie” racconta un disastro ambientale che avrebbe potuto essere evitato se si fosse dato ascolto a chi aveva a cuore la salute della gente. La voce è quella di un uomo che vorrebbe tornare bambino, quando le nuvole gli passavano sopra la testa ed erano desideri che aspettavano di prendere forma. Il bambino ritorna nel linguaggio e nello sguardo ingenuo e dissacrante sugli avvenimenti.
La storia, i luoghi e i personaggi sono di fantasia, ma tornano alla mente gli eventi che hanno danneggiato e continuano a danneggiare salute e ambiente, a testimoniare che poco si è imparato negli anni.
Paolo Bignami

RASSEGNA STAMPA

“Poldo ci ricorda che il teatro esercita una funzione civile anche quando parla sottovoce, non usa toni volgari o aggressivi, stempera la protesta in una sorta di realismo magico. Nel “Paese delle facce gonfie” la tragedia non è amarcord, ma monito verso la nostra epoca” (Vincenzo Sardelli, KLP Teatro)

“La fabbrica, da grande incubatrice, proliferante a distruttrice, di colpo cambia volto. Il sogno è infranto e non rimangono altro che erba secca, foglie gialle e morti da ricordare. Il pubblico, commosso, si guarda intorno, (…) e non può non sentirsi coinvolto e vicino al racconto. Nonostante l’assenza di riferimenti espliciti, la storia è tra noi.” (Leonardo Ravioli e Francesca Rigato, Stratagemmi)

1 Comment

  • Gianni Del Pero
    Posted 11 Luglio 2021 00:10 0Likes

    “il paese delle facce gonfie” proprio a Meda 45 anni esatti dopo il 10 luglio 1976 é stato emozionante e piacevole per l’alto livello della recitazione e la qualità del testo teatrale che a noi che abbiamo vissuto l’accidente della Diossina detta di Seveso prodotta dell’Icmesa ha suscitato emozioni e richiamato la realtà di quegli anni. Grazie! Gianni Del Pero Presidente WWF Lombardia. Tutti i medesi dovrebbero assistere alla repliche in programma e ne faremo promozione.

Comments are closed.

La Confraternita del Chianti è una compagnia teatrale professionista, con base a Milano, che si occupa di nuova drammaturgia sia in Italia che all'estero.

La Confraternita del Chianti © 2022. Ass. Culturale K.  – P.IVA 07886260962 – Privacy Policy

Sito creato da dpconsulenze srl